Libro gratuito sui giardini romani

Libro gratuito sui giardini romani

Questa volta non si tratta di un libro del 1800, ma di un volume pubblicato nel 2004 che potete scaricare legalmente in formato .pdf o leggere online. 

L’autore del libro è Patrick Bowe un esperto di giardini e storia del giardinaggio. 

Ai romani piacevano i giardini, sia grandi giardini delle tenute di campagna imperiali o i piccoli spazi privati ​​nascosti dietro le case della città.

Usavano i giardini per rilassarsi o per coltivare piante ornamentali, e anche frutta e verdura. Usavano aggiungere fontane perché il rumore dell’acqua rilassava. 

I romani costruirono giardini in ogni angolo del loro impero, dalla Gran Bretagna al Nord Africa e dal Portogallo all’Asia minore. Molto tempo dopo il crollo del loro impero, i giardini che avevano piantato con tanta cura continuarono a esercitare influenza sulle generazioni seguenti.

Questo libro descrive la varietà di giardini romani in tutto l’impero, dai più umili ai più lussuosi, compresi luoghi ben noti come la Villa Adriana a Tivoli e i giardini di Pompei ed Ercolano. La continua influenza dei giardini romani è rintracciata attraverso i giardini arabi, medievali e rinascimentali fino ai giorni nostri. 

Se invece preferite la versione .pdf, la potete scaricare qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: